Ma tutto questo
Alice non lo sa

Print Friendly, PDF & Email

Qualche giorno fa Matteo Salvini è stato ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa”. In soli diciassette minuti (e tredici secondi) di intervista il segretario della Lega Nord è riuscito a pronunciare una serie di sventatezze costituzionali di notevole portata.

Vediamo le più ardite.
Ha anzitutto proposto la flat tax: si tratta di un sistema di imposizione fiscale basato su criteri di proporzionalità (guadagni 10 paghi 2, guadagni 20 paghi 4, guadagni 40 paghi 8, etc.). È un modello, per dirla sobriamente, di dubbia costituzionalità: il principio di eguaglianza sostanziale (art. 3.2 Cost.) impone che ciascuno, con le proprie imposte, contribuisca progressivamente (non proporzionalmente) al benessere collettivo (art. 53.2 Cost.). Il motivo è molto semplice: il sacrificio richiesto a Tizio che, guadagnando 1000 euro al mese, viene tassato per 200 euro, non è nemmeno lontanamente paragonabile a quello di Caio il quale, guadagnando 10000 euro al mese, si vede imporre una tassazione di 2000 euro. Senza quei 200 euro Tizio rischia di non riuscire a sopravvivere al fatidico “21 del mese” cantato da Battisti; al contrario, Caio, potendo contare ancora su 8000 euro, dovrà rinunciare al massimo a qualche cena a base di caviale e champagne. Per questo la Costituzione impone un sistema progressivo (guadagni 10 paghi 2, guadagni 20 paghi 8, guadagni 40 paghi 20, etc.), soprattutto per quanto riguarda le imposte personali (sent. 159/1985 Corte cost.): eguaglianza non significa trattare tutti allo stesso modo, bensì garantire a tutti le stesse opportunità di partenza nonostante le diversità economiche e sociali che ci caratterizzano. E l’imposizione fiscale può tranquillamente essere abbassata senza scardinare i presupposti costituzionali dello Stato sociale.

In secondo luogo Salvini ha sottolineato la necessità di introdurre il “vincolo di mandato” per combattere il trasformismo parlamentare. Eppure tutte le Costituzioni democratiche prevedono – almeno per le camere nazionali – che il parlamentare eserciti le sue funzioni senza vincolo di mandato (per l’Italia art. 67 Cost.). Sbagliano tutte? E perché negli altri paesi, a parità di norma, il trasformismo è di gran lunga inferiore a quello nostrano? In realtà il divieto di mandato imperativo è un caposaldo delle democrazie moderne; al contrario, lo spudorato cambio di casacca italico non è altro che una degenerazione perversa di ciò che quel principio, giustamente, consente. Difatti, un Parlamento ha un senso se serve a mediare gli interessi della maggioranza con quelli dell’opposizione (il “medio termine” di cui parlava Kelsen): se chi vince le elezioni ignora sistematicamente le istanze di chi le ha perse, approvando solo leggi che specchiano i propri interessi, le Camere diventano inutili; tanto varrebbe chiuderle. Dare spazio, nelle leggi, anche ai bisogni delle minoranze è dunque la base di ogni democrazia: sarebbe però impossibile se esistesse il vincolo di mandato, poiché accogliere i bisogni degli altri significa rinunciare, almeno un po’, ai propri, “tradendo” così le promesse fatte agli elettori. Ma lo Stato non è un’azienda e la democrazia non è un contratto di diritto privato. Per fortuna.
Certo, questa libertà può portare a degli abusi (che in Italia si verificano sistematicamente); per combatterli non serve però imporre un patetico vincolo di mandato, gettando via il bambino con l’acqua sporca: piuttosto, sarebbe ora di compiere un cruciale passo in avanti culturale, facendo finalmente valere la responsabilità politica (questa sconosciuta) degli eletti, magari approvando una seria legge sulla democrazia interna nei partiti e ritoccando i regolamenti parlamentari.

Su queste solide premesse, in conclusione all’intervista, Salvini si è proclamato difensore della Costituzione; la quale, purtroppo per Lei, non può parlare in prima persona né querelare.
Il tutto assume un tono grottesco, considerato che lo Statuto del partito di cui è segretario nazionale prevede, all’art. 1 (!), un obiettivo ben chiaro: l’indipendenza della Padania. La Costituzione vieta la secessione senza se e senza ma (art. 5). Si dirà: la Costituzione può essere cambiata. Non proprio e non tutta: l’unità della Repubblica è uno di quei “principi supremi” non sottoponibili a revisione costituzionale, poiché parte integrante di ciò che definisce il nucleo essenziale della nostra democrazia (sent. 1146/1988 Corte cost.).
Non ci sono dunque mezzi legali per ottenere la tanto ambita indipendenza della Padania.
Ma, per dirla con De Gregori, tutto questo Alice non lo sa.

Un commento su “Ma tutto questo
Alice non lo sa

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: